Mercoledì 20 febbraio abbiamo avuto l’onore di partecipare all’anteprima dedicata alla presentazione del nuovo spazio “Made in Explora”.

Arriviamo un pò prima dell 17 e troviamo ad accoglierci, oltre agli accrediti per l’ingresso, anche una graditissima merendina e, soprattutto, gli splendidi sorrisi e la simpatia del team tutto al femminile di Explora.

PRESENTAZIONE

Alle 17 veniamo accompagnati in una sala per una breve presentazione del progetto con slide di accompagnamento. Ci viene spiegato che la creazione di questa nuova area inizia nel settembre 2017 con il progetto europeo CREATIVE MAKERS: kids’ fablabs for letterpress & printing inspired by tinkering and making (CREAM). Questo progetto cofinanziato da Creative Europe/Culture, CREATIVE MAKERS innova il settore tradizionale della stampa tipografica attraverso la creazione di 4 “kids’ fablab”, spazi di creazione, sperimentazione e progettazione per scuole, famiglie e insegnanti, ispirandosi a 3 movimenti chiave: tinkering, making e fablab.

Le attività di Made in Explora sono pensate per aiutare i bambini ad avvicinarsi al mondo della scienza, tecnologia e arte grazie ad un apprendimento basato sull’esperienza tramite osservazione e sperimentazione di diversi materiali.

I laboratori ideati uniscono infatti nel migliore dei modi gioco e sviluppo delle idee con l’assimilazione di concetti più tradizionali legati alla stampa tipografica.

Le attività proposte sono frutto di test realizzati nel corso dell’anno durante i quali il team di Explora ha potuto mettere a punto attività di tinkering e making applicate alla stampa tipografica, quest’ultima supportata dall’esperienza dell’artista Maria Zaramella.

 

LABORATORI

Al termine della presentazione ci spostiamo verso l’area dedicati ai laboratori. Le postazioni sono assolutamente sicure ed adatte ai bambini. Per le attività vengono utilizzati caratteri mobili in legno e tirabozze,piccoli robot, carta e sizzix per la stampa a rilievo.

Per prima cosa Gaia decide di realizzare la stampa della scritta “Made in explora” su una borsetta di tela, con il supporto di una gentile e attenta assistente che la segue passo passo (come potete anche vedere dalle foto).

Grazie a dei rulli imbevuti di inchiostro, i piccoli partecipanti hanno colorato le lettere che sono diventate quindi dei veri e propri timbri. Hanno poi poggiato il foglio o la stoffa sopra le letterine, passato con forza il tirabozze e MAGIA, la stampa è avvenuta 🙂

Il secondo laboratorio è mirato a far scoprire ai bimbi che, con le letterine in legno è possibile realizzare anche degli animaletti, oggetti o qualsiasi altra cosa venga fuori dalla loro fantasia. I loro capolavori vengono attaccati e messi ad asciugare su un grande pannello che ospitava le bellissime opere realizzate.

Infine abbiamo “stampato” a rilievo dei disegni carinissimi su un cartoncino del suo colore preferito (che potrebbe essere utilizzato come copertina di un quaderno) e la sua iniziale “G” su un timbrino di legno.

Al termine dei laboratori ovviamente le bimbe hanno sfruttato il tempo a disposizione per giocare con il trenino, i giochi ad acqua, con l’orto ed il supermercato. Ma per questo vi invito a leggere l’altro nostro post dedicato al museo Explora.

Visitate al più presto questa nuova area del Museo dei bambini di Roma e, per chi non lo avesse ancora fatto, anche tutto il resto: divertimento e sperimentazione assicurata per adulti e piccini!

 

Share